CAPUA. L'arcivescovo don Bruno Schettino è morto nella notte

DON BRUNO SCHETTINO COLPITO DA INFARTO

I funerali domenica 23 settembre alle 16,30 – Cattedrale di Capua

don Bruno SchettinoCAPUA. E’ andato via in silenzio, nella notte, stroncato da un arresto cardiocircolatorio. Aveva 71 anni, interamente vissuti per la sua missione, ascoltare e diffondere la parola di Cristo. Sarà ricordato per essere stato il “vescovo degli immigrati”,

facebook 16x16 twitter 16x16

per la sua scelta di assistere e difendere chi, senza aver niente, vive, spesso in clandestinità, nel nostro paese. Frequentava assiduamente le comunità di immigrati sparse, soprattutto, nel casertano, sul litorale domizio, a Castelvolturno, dove fondò il “Centro Fernandes” per l’accoglienza degli immigrati. Arcivescovo di Capua dal 1997 era presidente della Commissione episcopale per le migrazioni della Cei (Conferenza episcopale italiana) e della Fondazione Migrantes. Nato a Marigliano, nella diocesi di Nola, il 5 gennaio del 1941, monsignor Schettino è stato ordinato sacerdote il 28 giugno 1964. Laureato in filosofia, fu nominato vescovo di Teggiano-Policastro da papa Giovanni Paolo II l'11 febbraio 1987. Riceve l'ordinazione episcopale il 4 aprile 1987 dal cardinale Giuseppe Caprio. Il 29 aprile 1997 è promosso arcivescovo di Capua. La camera ardente resterà aperta presso la Cattedrale di Capua fino alla celebrazione del rito funebre, officiato dal cardinale di Napoli, Crescenzio Sepe, domenica 23 settembre alle 16.30.   Carlo Esposito

facebook 40x40 twitter 40x40


Inserisci i tuoi commmenti...